Comprare una casa in costruzione, come tutelarsi

da , il

    Comprare una casa in costruzione, come tutelarsi

    Una situazione pericolosa per chi vuole comprare un’immobile si verifica quando il denaro è già stato versato ma, la casa è ancora un progetto oppure è in fase di costruzione. In questo caso, se l’impresa fallisce si rischia di non ricevere l’abitazione regolarmente pagata e di perdere i risparmi di una vita. Negli ultimi anni, per tutelare i compratori delle cosiddette case sulla ‘carta’, è arrivata la legge 122 del 2005 che ha introdotto importanti strumenti di garanzia per l’acquirente. Accade spesso, però, che questi non vengono applicati e l’acquirente, non conoscendo i propri diritti, non li fa valere al momento della firma del contratto.

    Per acquistare una casa sulla ‘carta’ bisogna seguire alcune regole e soprattutto conoscere le leggi a nostra tutela. Innanzitutto, il costruttore è obbligato a farsi rilasciare da una banca o un’assicurazione una fideiussione a favore dell’acquirente, per il valore delle somme riscosse e da riscuotere prima del rogito. Questo strumento, obbligatorio per legge, garantisce gli acquirenti in caso di fallimento del costruttore, permettendo di recuperare il denaro investito. Infatti, se l’impresa fallisce prima di aver ultimato la costruzione, l’acquirente può presentare alla banca o all’assicurazione le ricevute dei pagamenti effettuati e chiederne il rimborso.

    Il costruttore ha anche l’obbligo di stipulare una polizza assicurativa a beneficio dell’acquirente, della durata di 10 anni dalla fine dei lavori, per coprire eventuali danni materiali all’immobile derivanti da rovina totale o parziale oppure da gravi difetti costruttivi. In realtà, una recente indagine di Soldi&Diritti ha evidenziato che soltanto un’impresa su tre rilascia attualmente la fideiussione bancaria, che ovviamente ha un costo per il costruttore. Rifiutate, quindi, di firmare un contratto che non la prevede e in ogni caso tenete presente che, se manca la fideiussione, potete chiedere al giudice di annullare il contratto e chiedere il rimborso di quanto versato con gli interessi.